Leggere una ricetta

La prescrizione riassume cosa si consiglia di fare per la correzione ottica. Essa è indispensabile per sapere quali lenti mettere sugli occhiali o per dedurre il valore di partenza (il valore finale sarà differente) delle lenti a contatto.

La prescrizione riporta il nome perché è valida solo per quella persona. Rx è il modo abbreviato per riferirsi alla ricetta o prescrizione (deriva dal latino "recipe", ossia prendi).

Tutti i riferimenti nella Rx appaiono invertiti, ossia l'occhio destro si trova sul lato sinistro e viceversa. Questo perché è così che la persona appare a chi gli sta di fronte (come l'esaminatore).

La figura al centro rappresenta una prescrizione (o ricetta) oftalmica (oppure ottica). I cerchi in giallo indicano i particolari cui il testo si riferisce. 





1) La Rx deve riportare una data; infatti i problemi - e le loro soluzioni - cambiano con il tempo e dopo 6-18 mesi è probabile che la condizione descritta nella Rx non sia più valida. Per i bambini la correzione può essere già da modificare dopo giorni.

2) Il numero riportato in questo spazio identifica il valore della lente che corregge il difetto (o ametropia, ad esempio Miopia o Ipermetropia). Viene detto correzione sferica (da cui sf o sph. in inglese).

3) Il numero riportato in questo spazio rappresenta il valore della lente che corregge la parte astigmatica (una variante dei difetti di miopia o ipermetropia). Se il numero manca, la persona non è astigmatica.

4) Orientamento dell'asse del cilindro della lente per astigmatici. Se in questo spazio non è scritto nulla, ma in quello immediatamente precedente si, la Rx è errata.

5) Gli occhiali possono essere a permanenza (cioè usati sia per lontano sia per vicino) o solo a una certa distanza. I numeri scritti in queste righe dicono quale occhiale va usato e a quale distanza.

6) In questo spazio viene posto un numero sempre positivo, che esprime la differenza tra la parte sf (sferica) da vicino e quella sf per lontano. Viene posto solitamente quendo la persona porta lenti bifocali o progressive, o se usa differenti occhiali da vicino e da lontano.

7) Talvolta è necessario le lenti abbiano anche effetto di prisma (in presenza di strabismo ma non solo); ciò è espresso da un numero seguito dal simbolo delta (D).

8 e 9) In Italia (e in Francia) sono in uso due modi per annotare l'orientamento delle lenti per astigmatici, solo nelle Rx di questi Paesi esistono questi due semicerchi, per evitare ambiguità segnando con una freccia quale dei due sistemi (TABO o Internazionale) si intende usare. Se il numero nella colonna Ax è differente da 0; 90; 180 è indispensabile sia posta una freccia, almeno sul campo dell'occhio sinistro.

10) La distanza tra gli occhi (DP o DAV o DI; tipica per ciascuna persona) è essenziale per posizionare i centri delle lenti in corrispondenza a quelli degli occhi. Negli occhiali industriali a basso prezzo essa è fissa. Si distingue una distanza per lontano e per vicino (quando si guarda a breve distanza gli occhi si avvicinano).

11) Se il difetto è elevato (più o meno da 6-8D in poi) si dovrebbe annotare anche la distanza alla quale la lente era posta durante l'esame, per garantire che sarà la stessa anche sugli occhiali. La distanza è detta dac o distanza al vertice.

12) Alcune lenti, come le bifocali e le progressive per la correzione della presbiopia, presentano una zona attraverso la quale si osserva per la lettura che deve essere posta a una particolare altezza. Il numero segnato qui esprime (in mm) quell'altezza.

13) Solitamente, le lenti degli occhiali vanno spostate (ossia decentrate) anche in verticale rispetto alla forma degli occhiali, per corrispondere alla posizione degli occhi e permettere un miglior effetto visivo delle lenti.

14) Alcune misure vanno applicate in modo uguale per i due occhi. L'abbreviazione OO indica proprio "entrambi gli occhi".

Sulla Rx posso essere poste varie annotazioni relative all'uso degli occhiali (ad esempio per la guida) o altre tradizionali (come l'annotazione: "centrati"), che identificano che la misura della DAV-DP-DI non è stata fatta, ma che i centri delle lenti in orizzontale andranno nella posizione consueta.

Altre note
Le lenti da occhiali si misurano in diottrie (simbolo: D) e al crescere di questo numero aumenta anche il difetto (che puè arrivare anche a 20-30 D).

Però il valore delle diottrie non va confuso con "quanto vede" (acuità una persona (tradizionalmente espresso in decimi, e 10/10 è una condizione media normale).

Una Rx per occhiali non è esattamente equivalente a quella per lenti a contatto, perché l'effetto visivo delle lenti varia in relazione alla posizione che esse hanno rispetto all'occhio. Ad esempio, un miope che porta occhiali da sf -8 D porterà lenti a contatto da -7,25 D (circa). 

I Nostri Brand